Statuto del Coro Interparrocchiale

STATUTO DEL CORO INTERPARROCCHIALE

“s. m. v. addolorata e s. nicola”  

 

 

Costituzione

 

Presso le parrocchie “S. M. V. Addolorata-Calvario" e "S. Nicola” di Oppido Mamertina, si è costituito, nel dicembre 2008, il Coro Interparrocchiale, per il servizio musicale nelle celebrazioni liturgiche. Vi fanno parte i fedeli che volontariamente mettono a servizio delle comunità parrocchiali tempo, impegno, energie e capacità, perché riconoscono nelle celebrazioni il momento più importante,“culmine e fonte” della vita della comunità cristiana.

 

Il coro si costituisce, in tal modo, come gruppo significativo nell’ambito della comunità e i cantori s’impegnano ad alimentare e a vivere tra loro un rapporto di  cordialità e amore.

 

Finalità

 

Il Coro Interparrocchiale ha il compito di animare col canto le celebrazioni liturgiche, secondo i principi dei documenti conciliari e, in particolare, della Costituzione conciliare “Sacrosanctum Concilium”, dell’Istruzione “Musicam Sacram” e del Sinodo diocesano, nella consapevolezza che la sua attività deve essere esemplare per tutti i fedeli e per eventuali altri gruppi che in parrocchia collaborano all’animazione liturgica.

 

I cantori riconoscono nelle celebrazioni la fonte che alimenta la loro vita cristiana con la Parola, l’Eucaristia, il canto e la preghiera. Vi parteciperanno, perciò, con la dovuta attenzione e raccoglimento, associandosi alla preghiera di tutti i fedeli.

   

Compiti dei cantori

 

I cantori che intendono far parte del coro si assumono pure gli impegni derivanti dalla sua attività. In particolare s’impegnano a partecipare a:

 

a)    le prove dei canti, che saranno fissate dal Responsabile, nei giorni che, possibilmente, non siano occupati da altre iniziative pastorali parrocchiali;  

b)    tutte le varie celebrazioni richieste al coro.

 

 La partecipazione all’attività del coro è un impegno morale al quale il cantore è invitato a mantenere fede, fatta eccezione per urgenze personali e familiari. Nel caso di Celebrazioni o iniziative particolari, chi non potesse partecipare alla maggior parte delle prove stabilite si esclude di fatto, temporaneamente, anche dalla possibilità di unirsi al coro per tale occasione; il Direttore può, eventualmente, decidere di far partecipare tali coristi alle suddette iniziative, qualora lo ritenesse opportuno o riconoscesse valide motivazioni per le assenze effettuate e, comunque, ciò avverrà esclusivamente qualora il Direttore ritenesse che la conoscenza dei brani che tali coristi possiedono in quell’occasione possa essere sufficiente a garantire un’adeguata esecuzione degli stessi.

 

 

Organizzazione

 

                   Il Coro Interparrocchiale è presieduto dal Parroco, don Benedetto Rustico e guidato dal Direttore,Stefano Frisina, il quale coordinerà e supervisionerà il gruppo, stabilendone le regole e facendo in modo che tali regole vengano rispettate da tutti i membri. Il direttore potrà scegliere un vicedirettore, che farà le sue veci in particolari occasioni e alcuni co-responsabili, che lo coadiuveranno a sovrintendere alla vita del coro, interpretandone i bisogni ed eventuali disagi e proponendo eventuali iniziative comunitarie che favoriscono la concordia.